Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

A+ A A-

PushDeform

 

DownloadPDF

 

 

Push-Over senza impalcati rigidi (MODULO A LISTINO)

L’analisi non lineare PUSH OVER è ormai una tecnica consolidata per l’analisi delle prestazioni sismiche di strutture con impalcati indeformabili dove è immediato individuare come spostamento di controllo quello del baricentro dell’ultimo piano.
Nel caso di strutture non assimilabili ad edifici, o nel caso manchi un impalcato rigido, è possibile ancora utilizzare l’analisi PUSH OVER se si generalizza la definizione di spostamento di controllo, come quello che compie sul tagliante totale lo stesso lavoro del sistema reale.
La soluzione implementata nel CDSWIN è quella proposta da Chopra e Goel [2002] e riportato in "Developement and application of Nonlinear Static Procedures for plan‐asymmetric buildings" ‐ G. Adhikari, R. Pinho‐ IUSS press Decembre 2010.
L’utilizzo di tale soluzione basata su rigorose basi scientifiche, ha il grande vantaggio rispetto ad alternative piuttosto semplicistiche (quali quello di far scegliere arbitrariamente all’utente il punto di controllo e/o le sottostrutture da analizzare), di avere un univoca ed oggettiva definizione dello spostamento utilizzato per determinare lo SDOF equivalente e di cogliere in maniera fisicamente
consistente la mutua interazione tra i vari elementi strutturali.
Tale soluzione si presta in particolare nel caso di applicazioni di analisi PUSH OVER agli edifici industriali, alle strutture in muratura, a strutture diverse dagli edifici ed in generale tutti quei casi in cui non esiste un impalcato rigido.

 

 

 

Unioni in legno (MODULO A LISTINO)

Per le sottostrutture in legno, sono state implementate le più comuni tipologie di Unioni in Legno. Il nuovo modulo del CDSWin "Unioni in Legno con Viti ad X" consente il calcolo ed il disegno totalmente automatico delle tipologie di Telaio:

- Trave-Colonna
- Colonna-Trave
- Trave-Trave di impalcato

Il modulo e' caratterizzato da un elevato livello di automatismi che si occupano sia della determinazione del tipo di vite da adottare e dei relativi parametri geometrici (quali, ad es. i valori ottimali per: angoli di infissione, affondamenti, etc..), sia del "montaggio", nel disegno del telaio o dell' impalcato, dei particolari esecutivi dei nodi, il tutto perfettamente quotato in ogni parte.

 

 

 

Incamiciatura delle aste (MODULO A LISTINO)

Intervento di rinforzo per travi e pilastri con la tecnica dell’incamiciatura. Tale tecnica è prevista esplicitamente dalla circolare del 2/2/2009 al punto C8A.7.2 INCAMICIATURA IN ACCIAIO. In particolare l’implementazione in CDSWIN permette di tenere in conto, come previsto dalla circolare, sia l’aumento di duttilità e della capacità per carico verticale per effetto del confinamento della incamiciatura che l’aumento della resistenza a taglio.
Inoltre solo per le travi è possibile tenere in conto del contributo che gli angolari inferiori possono dare alla resistenza flessionale in campata.
Tenendo conto che la valutazione dell’eventuale contributo alla resistenza flessionale in campata dipende dalle modalità realizzative ovvero di come si garantisce la collaborazione tra la sezione esistente e gli angolari (connettori, resine, etc.) è stato previsto un coefficiente di collaborazione che varia tra 0 e 100%.
Nel modello è possibile inoltre inserire eventuali tirantini in acciaio in modo da rendere più efficace l’effetto di con finamento sulle sezioni allungate.
Si ricorda che un nucleo di cls con rapporto maggiore d 1:2 difficilmente può essere confinato dall’esterno, per cui è necessario realizzare dei tiranti passanti che partizionino il nucleo di calcestruzzo. Il modello tiene in conto nella valutazione del confinamento della forma della sezione de del numero di tirantini utilizzando le formule dell’Eurocodice 8.

                      

 

 

Interfacciamento con Revit (AGGIORNAMENTO)

Aggiornamento del collegamento con Revit rel. 2014 per l'importazione del modello architettonico e la generazione automatica del modello strutturale in CDSWin.

 

Altro in questa categoria: « Bonus Pack NOVITA' rel. 2015 »

Assistenza

  • Strutturale e Geotecnica: 095-7252560
  • E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Contabilità tecnica:          095-7252561
  • E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Info Commerciali

  • Linea1: 095-7252559
  • Linea2: 095-7254855
  • Linea3: 0931-66220
  • Fax: 095-213813
  • E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • E-mail:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright by S.T.S. SRL. All rights reserved. P.Iva: 02248590875

Login

Effettua il login o Registrati

Seguici su Youtube
Seguici su Google+
Seguici su Facebook